Torna l’effetto “palla di neve” sul debito pubblico italiano?