Per l’integrazione una “”terza via”” senza diritti di veto, coercizioni o esclusioni a priori