Le colpe (sempre) altrui e la fiducia che manca nell’Europa degli alibi