La lentezza di Bruxelles e il rigore