La Bce e il terzo shock petrolifero