L’euro non è troppo forte