“Dall’Asia pochi pericoli, la crescita è nelle mani delle banche centrali”